Mala Tempora

di Lauro Venturi il 28 luglio 2016

E’ un periodo inquietante questo, tra attentati terroristici, guerre e colpi di stato. Il Mondo sembra davvero impazzito.
Le “ultime notizie” ci arrivano sullo schermo del computer o dello smartphone con una frequenza incredibile e così perdono quasi d’importanza: non fai in tempo a leggere di Nizza che già ti propinano un’altra sciagura in Germania. Tutto arriva in fretta e in altrettanta fretta se ne va, lasciando però in noi un’incrostazione di angoscia spesso inconsapevole.
L’omicidio di padre Jacques Hamel, l’ottantaseienne parroco della chiesa di Saint-Etienne-du Rouvray, vicino a Rouen, mi ha ricordato Frère Roger di Taizè, figura e luogo che mi sono nel cuore, come ben si capisce dalle mie radici.
Se risalgo agli anni settanta, penso spesso a questa canzone che cantavamo nei soggiorni per adolescenti: ve la ripropongo: Dove vola l’avvoltoio

Articolo precedente:

Articolo successivo: