Qui con le mie forze per uscire da un inferno

di Lauro Venturi il 27 febbraio 2017

Fabo è un DJ che, dopo un incidente stradale di tre anni fa, è rimasto cieco e tetraplegico. Adesso è in Svizzera, dove lo ha accompagnato Marco Cappato, dell’Associazione Luca Coscioni, per poter avere la giusta eutanasia.
E’ un tema che sento fortissimo, ne ho scritto un ampio capitolo in Romanzo reale: Sara, la moglie del protagonista, fa tutta la trafila per andare in Svizzera e morire senza atroci sofferenze. Ne scrissi perchè una sera, dopo aver assistito a una serata con Beppino Englaro, padre di Eluana, ascoltai in televisione l’allora Presidente del Consiglio dire che era sbagliato staccare la spina, perchè Eluana avrebbe ancora potuto essere madre.
Ho sottoscritto l’appello ai parlamentari “Liberi fino alla fine” perchè legiferino in fretta, cosa che non hanno ancora fatto.
Sostengo l’associazione Luca Coscioni e sono tesserato a Eutanasia Legale perchè voglio vivere in un Paese (abbastanza) libero.
Ecco le sue ultime parole. Che la terra ti sia lieve, Fabo.
fabo

Articolo precedente:

Articolo successivo: