ungaretti

Riti

Dicembre 26, 2019

È finito Natale anche quest’anno per fortuna senza troppo danno, nonostante quel mangiare e fare festa che ti lascia un sottile mal di testa. Si scartano i cosiddetti “pensierini” oggetti spesso inutili e un po’ cretini per dirci quanto bene ci vogliamo senza accorgerci che ci intristiamo per troppe cose e poco affetto: ma questo […]

Vai all’articolo →

Le panchine riposano

Novembre 23, 2015

Le panchine si riposano dalle tante chiacchiere che hanno ascoltato. Non dicono delle idiozie mai risparmiate o dei triti luoghi comuni. Tacciono anche sulle parole degli innamorati o sui rimpianti dei vecchi. Le panchine stanno in silenzio ad aspettare la neve.

Vai all’articolo →

L’invisibile tela dell’anima

Agosto 6, 2015

I poeti non sono gli ingegneri della parola, costretti tra rime baciate o incatenate, Non ricercano ostinati endecasillabi o novenari. Non cesellano distici o metriche perfette. I poeti sono viandanti che esplorano con pudore l’invisibile tela dell’anima. (grazie a Federica R. per il titolo)

Vai all’articolo →

Te

Aprile 10, 2013

Te  lasciarti essere te  tutta intera  Vedere  che tu sei tu solo  se sei  tutto ciò che sei  la tenerezza  e la furia  quel che vuole sottrarsi  e quel che vuole aderire  Chi ama solo una metà  non ti ama a metà  ma per nulla  ti vuole ritagliare a misura  amputare  mutilare  Lasciarti essere te  […]

Vai all’articolo →