Antifragile: prosperare nel disordine

di Lauro Venturi il 16 agosto 2014

Agli essere umani non dovrebbero essere affidati giocattoli esplosivi come le bombe atomiche, i derivati finanziari o gli strumenti per creare la vita”.
I disastri finanziari degli ultimi anni sono stati amplificati dalla distruttiva dittatura del pensiero e della cultura esercitata dei mezzi di comunicazione: rigido controllo della pubblicazione e diffusione delle idee economiche da parte di un establishment di economisti ciarlatani.
Detto da un affermato Trader internazionale non è male, come quando l’autore propone di imporre agli ingegneri finanziari di oggi la regola in vigore al tempo dei Romani: chi progettava il ponte doveva passare un po’ di tempo sotto ciò che aveva costruito, come prova di responsabilità.
Scopriremo, leggendo, che l’antifragilità va aldilà della resilienza e della robustezza. Ciò che è resiliente resiste agli shock e rimane identico a se stesso: l’antifragile migliora.
Scopriremo perché confondere una pietra con un orso sia molto meno grave che confondere un orso con una pietra.
Taleb ci dimostra infine che la probabilità che un evento raro si verifichi è semplicemente impossibile da calcolare, è un’illusione, come voler insegnare agli uccelli a volare.
Allora, tanto vale lasciar perdere il delirio di onnipotenza di voler prevedere il futuro, mettendo le nostre energie per progettarlo e inventarlo.

Chi è interessato qui trova i miei appunti.
Buona lettura!

Articolo precedente:

Articolo successivo: