C’è bisogno di risposte difficili, e perfino complesse

di Lauro Venturi il 25 marzo 2014

1043E’ da tempo che penso, con disagio, ad una comunicazione – soprattutto in politica, esageratamente “ad effetto”. C’è bisogno di rifocalizzarci soprattutto sui contenuti, ne sono convinto. Poi ho letto il redazionale di Giovanni De Mauro (Internazionale n° 1043 – 21 marzo 2014) ed ho trovato quei pensieri esposti in maniera sorprendentemente chiara e sintetica.

Ecco il suo contributo:
Complessità
Ripensare a Enrico Berlinguer non significa avere nostalgia di un passato che, per tanti versi, è una fortuna che sia passato. Significa invece ricordare che persone come lui non avevano paura di parlare di cose difficili, non si spaventavano davanti alla complessità. Oggi molti amano scimmiottare la parte peggiore della politica americana, ma fuori contesto. Fanno il verso alla comunicazione aziendale fintamente spigliata e nascondono dietro una cortina fumogena di slogan una certa povertà di idee. Confondono l’intento, giusto, di prestare attenzione anche alla forma con quello, perverso, di fare attenzione solo alla forma, tralasciando i contenuti e la loro coerenza. Ma soprattutto scambiano i cittadini per bambini, infantilizzano ogni discorso come se i loro interlocutori fossero incapaci di rimanere attenti per più di cinque minuti. Non capiscono che oggi c’è sempre più bisogno di risposte complesse, e perfino difficili.  

Articolo precedente:

Articolo successivo: