Tortelloni, tigelle, riflessioni e lambrusco

di Lauro Venturi il 7 gennaio 2012


Mi sono concesso un piccolo lusso, un pranzo, da solo, in una delle pochissime osterie delle nostre belle colline rimaste tali e raccontate ne "L'educazione sentimentale del manager" con i miei occhi allora ventenni.

La signora sempre genuina e gentile, il locale autenticamente accogliente, i sapori non finti e un prezzo più che onesto.

Poi, un buon toscano e le letture (sempre più rare) dei quotidiani. Ho incontrato due riflessioni che propongo senza commento. Salute!

 

Articolo precedente:

Articolo successivo: