Il riposo fa bene!

Quattro giorni di riposo che stanno terminando ma mi hanno ritemprato alla grande. Venerdì sera piacevole cena con gli amici della settimana bianca e sabato un bellissimo giro a piedi con Beppe e Carlo, i miei amici con i quali ho scritto “Armentarola – Falzarego e ritorno” i cui proventi sono stati versati all’associazione “Il Drago Celeste“.

Siamo partiti da casa mia e via verso Cà Plessi, Villabianca, Denzano (vedi foto), Tre Croci, Torrente Guerro, San Polo e arrivo. Tre ore e mezzo di passo veloce in mezzo alle nostre bellissime colline, a chiaccherare in leggerezza, tranne quando due cani e due oche hanno tentato di aggredirci, le oche più aggressive dei cani…per fortuna!

Alla sera cena in compagnia di Piero e Graziella, che ci hanno raggiunto da Milano, all’agriturismo, con Franco e le sue barzellette, non sempre gradite (cioè quasi mai) dalle nostre signore, mentre noi – pur avendole sentite chissà quante volte- abbiamo riso di gusto.

Al mattino, un pò intronato, con Simo sono stato all’inagurazione della mostra “Stanze di terra” di Andrea Capucci, che consiglio davvero (scarica l’invito).

Pranzo leggero a casa, e poi sole, letture, chitarra e qualche sonnellino. Il giorno dopo bella camminata in montagna, a Sasso Tignoso, sull’appennino modenese, detto così perchè è scuro e un pò scontroso. “Ghignoso” è come Enzo Biagi ha definito Tremonti, ed io concordo che quel personaggio esprima bene cosa si intende dalle mie parti per “tignoso”.

E’ stato bellissimo camminare per boschi e prati, più di cinque ore buone anche per un disguido non si sa se causato dalla cartina o da un nostro buco interpretativo, mah! E’ bello sentire le gambe, i polmoni, il cuore, che stanno bene e ti portano dovunque vuoi. Abbiamo preso anche un piccolo acquazzone ma per fortuna avevamo supermantelline, perchè, come diceva Robert Baden Powel, “Non esiste buono o cattivo tempo, ma buono o cattivo equipaggiamento”.

Oggi pomeriggio è passato mio figlio Paolo, con la sua ragazza, a regolarmi l’impianto di irrigazione ed abbiamo passato un piacevole momento insieme. Adesso sistemo le foto, aggiorno il sito, leggo un pò…Racconto queste cose perchè toccare con mano che cose semplici fanno tanto bene è, per me, sempre una grande sorpresa!

Commenti

I commenti a questo articolo sono chiusi