La (dolce) Pantera

di Lauro Venturi il 23 giugno 2014

Anche questa volta Benni non delude, tra sale da biliardo e reti da pesca.
La Pantera decide di bluffare all’ultima partita a stecca per vincere all’amore. Ma l’Inglese non vuole vincite facili e abbandona del tutto il tappeto non più verde della vita.
La figlia del pescatore morente si azzarda ad un’ultima pesca per racimolare un po’ di soldi per le medicine del papá. La salva un amico di suo padre, avvisata dalla signora in nero con il cannocchiale. Sta a vedere che potrebbe essere la Pantera… O forse ci piace immaginarlo.
Bè, due grandi donne sontuosamente (de)scritte da Benni

Articolo precedente:

Articolo successivo: