Buon cibo e buon vino: insomma, buona vita

Sono tempi non propriamente semplici, segnati da una forte incertezza e dalla sensazione di una scure che può abbattersi su di noi non si sa quando né perché.

Forse per questo si gustano ancora di più i momenti spensierati come quelli di venerdì sera con pochi amici. L’occasione era il saldo di una gara di pigugno giocata quest’inverno in una bella baita della Val Badia. Romano ha onorato alla grande l’impegno, ospitandoci nella sua taverna. Rispettando tutte le norme del Corona Virus, abbiamo cenato e bevuto ottimi vini:

Mi piace anche aggiungere questa bottiglia di lambrusco grasparossa, di fianco a dei giganti, perché è un vino generoso, compagno di tante serate.

E poi in questa stagione regala dei colori mozzafiato, che nessuna fotografia potrà mai evidenziare (e comunque qualcuna la pubblico).

Infine, ascoltatevi – se vi va – “Gli amici” di Francesco Guccini.

 

Commenti

Questo articolo ancora non ha commenti. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *