Il Papa e la Sapienza

In merito alla visita del Papa all’inaugurazione dell’anno accademico all’Università La Sapienza, il Vaticano ha preferito soprassedere all’evento dopo “le note vicende di questi giorni”. Ieri sera il TG1 delle 20 ha dedicato 18 minuti alla questione, cioè il sessanta per cento.

Sono poi uscito per andare ad ascoltare Marc Lazar (professore di Storia e di Sociologia politica a Sciences Po, Parigi) e Gianfranco Baldini (professore associato di Scienza politica presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Salerno) che presentavano il loro libro “La Francia di Sarkozy”. Serata piacevole ed interessante sopratutto per le comparazioni tra il modello francese e quello italiano, oltre che per la brillantezza dei relatori.

In Francia una cosa come quella successa in Italia, senza commenti, sarebbe impensabile, forse perchè sono alla quinta repubblica e dal 1905 hanno disciplinato i rapporti tra Stato e Chiesa. Camillo Benso conte di Cavour il 6 giugno del 1861 probabilmente morì mortificato dal fatto di non essere riuscito a realizzare una “Libera Chiesa in libero Stato”: si consolerà sapendo che centoquarantasette anni dopo neanche i suoi successori ce l’hanno ancora fatta.

Commenti

I commenti a questo articolo sono chiusi