Questo sito ha compiuto tre anni

Bè, tre anni non sono pochi. Questo sito nacque su consiglio del mio editore, all’uscita de “L’educazione sentimentale del manager” nell’ottobre del 2005.

Farlo ha richiesto molto tempo ma è stato anche un modo per ripercorrere la mia vita e lasciare una traccia meno volubile del ricordo. Perché si fa un sito? Aldilà della ragione strumentale, pur valida, credo ci sia un misto di ambizione, di vanità, di voglia di conoscere gente, di sentirsi meno soli, di partecipare alle tante opportunità che la rete fornisce.

È stata una bella esperienza, che si è modificata nel tempo. Ho capito che occorreva mettere ogni tanto qualche cosa nuova, così sono nate le news come situazione transitoria verso il “Diario”, che è come un baule nel quale le cose sono sovrapposte una all’altra.

Non ho voglia di fare un vero e proprio blog con tanto di commenti, risposte, forum…: però la mia mail è sempre a disposizione e rispondo puntualmente a chi mi scrive.

E così diverse persone mi dicono e mi scrivono “Sai, ho visto sul tuo sito…” e mi fa piacere.

Gli accessi sono cresciuti esponenzialmente e se facessi una ricerca più seria forse troverei una correlazione tra accessi e contenuti dinamici. Ma adesso accontentatevi di vedere l’andamento delle visite al sito: in fondo è anche vostro, ormai.

stati-sito

Con “L’ultima nuvola” ho sperimentato un editore meno visibile di Guerini, e l’ho fatto per un problema di prezzo di copertina e per non finire nella sezione “management”. Ovviamente ho molti più problemi di vendita e credevo che il sito avrebbe fornito maggiore aiuto, invece non è così, tramite il sito il libro non si vende e anche questa è una lezione che ho appreso.

Grazie delle visite e ogni suggerimento, che comunque tenga conto della mia pigrizia extra professionale, sarà ben gradito.

Per tutte e tutti, un invito caloroso per lunedì 1 dicembre 2008 alle ore 17,30, a Bologna per la presentazione de “L’ultima nuvola” promossa da AIDP e Manageritalia (Royal Carlton Hotel via Montebello 8, a pochi passi dalla stazione ferroviaria e dal parcheggio VIII agosto).

Commenti

I commenti a questo articolo sono chiusi