La grandezza della semplicità

Questi racconti di Mario Rigoni Stern sono di una squisita semplicità.
Pare di essere con lui mentre segue le ormi di un lepre (non manca nessuna vocale) o il canto di un urogallo. Arrivano potenti ma non violenti i ricordi tristi del Lager e della dura vita dei suoi compaesani, siano essi boscaioli o cavatori di marmo, carbonai o uomini di malghe, emigranti o pastori.
La natura è dura ma mai cattiva, però. E sa il fatto suo, sempre. Come le api, dove anche la regina è una semplice parte dell’insieme, al pari dei fuchi e delle api operaie.

“Uomini, boschi e api” di Mario Rigoni Stern, Einaudi 1980

Commenti

Questo articolo ancora non ha commenti. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *