Caro Presidente Conte, non se ne può più


Di nuovo cambiate le carte in tavola: come si fa a lavorare così? Non si può accettare tutto, si crea un disastro irreversibile! Il DPCM di venerdì sera, le cui anticipazioni, da fonte serie, mi avevano portato a scrivere un post su linkedin, in merito alla fiducia sul buon senso, non ha inserito il codice Ateco 28,3 (produzione macchine agricole) tra quelli autorizzati a produrre.

Chi irriga il mais e tutto ciò che serve per l’alimentazione dei bovini? Chi irriga le orticole? Il nostro è un settore che da qui a settembre va a tutto gas, per servire i settori primari dell’agricoltura e dell’allevamento: chi metterà la merce negli scaffali dei supermercati: i produttori esteri, grazie alla globalizzazione tanto cara a Romano Prodi? A proposito, il DPCM lascia il codice Ateco relativo al commercio all’ingrosso di macchine agricole: venderanno solo attrezzature e ricambi stranieri?

Presidente dell’Emilia Romagna Bonaccini, che è venuto anche a trovarci in azienda durante la campagna elettorale, prima fa i PSR per aiutare il settore, poi lascia che lo ammazzino nel periodo in cui più deve lavorare? E questo per ripicche tra Governo e Sindacati? Che problema hanno contro le macchine agricole? Siamo industrie strutturate e serie che certo non vivono sulla precarietà, che certo non pagano, quando va bene, 30 euro al giorno – e spesso in nero – chi raccoglie i pomodori.

Ah, non solo, non si potranno costruire macchine agricole ma si potrà acquistare un bel vestitino per il figlioletto o il nipotino. Nessuno nega che prima di tutto venga la salute, però con l’ultimo decreto, in pieno Covid 19, si potrà acquistare un bel pacchetto di sigarette, per poi scriverci ipocritamente sopra che il fumo uccide. Per favore, non fate più i Decreti il venerdì sera, non porta bene.

Chi fa impresa ha il DNA dell’ottimismo della volontà, però il pessimismo della ragione voi del Governo lo coltivate bene, accidenti!

Ma il Gruppo Ocmis farà anche l’impossibile per servire al meglio i Clienti e far lavorare in totale sicurezza i collaboratori, lavoreremo a tutto ritmo anche in agosto.

Leggete questo articolo, il Presidente di FederUnacoma è molto chiaro nello spiegare che al Governo esiste una concezione medievale dell’agricoltura. Riflettete e correggete: errare humanum est, perseverare autem diabolicum.

Sursum corda.

Commenti

I commenti a questo articolo sono chiusi