Finalista al concorso “Le parole del lambrusco”

Ho partecipato volentieri alla prima edizione di “Le parole del lambrusco – concorso letterario per micro racconti da leggere in un sorso” promosso dal Comune di Castelvetro e da I libri di Mompracem. Amo scrivere e mi piace il lambrusco, quindi…

Mi ha fatto piacere essere rientrato tra i finalisti e dedico il micro racconto a Savina Reverberi.

SCHIETTO AMORE
Finito di rigovernare la stalla, Flaminio si avviò verso il paese. In quelle colline quasi appennino il sole di giugno indorava il grano e prometteva pane.
Nella piazzetta un altoparlante gracchiava: “Camicie nere… l’ora segnata dal destino batte nel cielo…”.
Quattro figuri con il teschio sul berretto applaudivano, seguiti a malavoglia dalle poche persone presenti. L’ufficio postale era chiuso.
“Sì, viva il duce… che la miseria si produce” masticò amaro Flaminio, incamminandosi verso casa.
Sentì dei rumori e le manganellate iniziarono a piovere come la grandine sull’uva di settembre. Qualcosa di sgradevole e oleoso gli riempì le budella, mentre i corvi neri sghignazzavano.
Si pulì con alcune foglie. La moglie lo vide arrivare barcollante e lo pulì come un bambino. Sempre senza parlare gli versò poi un bicchiere di lambrusco fresco. Flaminio guardò la schiuma generosa, respirò il profumo di mirtilli, frutta rossa e viole e ringraziò Savina per quell’amore schietto.

 

Sponsor: Fattoria Moretto, Tenuta Pederzana, La Piana Winery, Cantina Sociale Settecani, Azienda Agricola Manicardi

Commenti

Questo articolo ancora non ha commenti. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *