Il rifugio Roma (o Kasseler Hütte)

Mi piace sempre molto scarpinare e arrivare in quota. Da Riva di Tures si prende il sentiero 1 e, dopo cascate, alpeggi e malghe, si giunge al rifugio Kasseler Hütte-Roma, a 2.276 metri. Poco più in alto il laghetto alpino Malersee.

Lassù ho due sensazioni predominanti: la gratitudine e l’importanza dell’accesso.

La gratitudine per poter godere di tanta bellezza e per il mio corpo che, nonostante l’età, un’angioplastica e sicuramente un bel po’ di stress accumulato, mi sorregge davvero molto bene.

L’importanza dell’accesso perchè è irrilevante e insensato pensare di possedere quei monti e quei boschi. Lo diceva già Jeremy Rifkin ne “L’era dell’accesso”: l’importante è poter accedere, non possedere.

Ciò detto, piccolo coming out: nei rifugi mangio sempre spaghetti alla bolognaise, che se me li propinassero da un’altra parte…  Piccole idiosincrasie senza importanza.

 

Commenti

Questo articolo ancora non ha commenti. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *